Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy, inclusa la personalizzazione e l'analisi di annunci pubblicitari e contenuti. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questo banner, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

fiber_manual_recordLive

Login

Facebook Instagram Telegram Twitter Twitch Discord YouTube Patreon
Copertina Recensione

Recensione The Last Of Us Parte II: il canto del cigno di PS4

Recensione The Last Of Us Parte II: il canto del cigno di PS4

Pubblicato il 30 giugno 2020

A cura di
Editing testo Simona Bardaro

Indice

Eccoci qua. Finalmente il momento tanto atteso è arrivato: The Last of us Part II ha visto finalmente la luce. Sono passati sette anni dall’uscita del primo episodio e dai titoli di coda che hanno concluso un'opera destinata a restare nei cuori dei giocatori e nella storia del videogioco moderno. Sembrava finito tutto lì, fin quando, tre anni fa, l'annuncio di un seguito diretto della storia di Ellie e Joel ha generato un hype tremendo, divenuto poi estenuante a causa del ripetuto rinvio e delle varie vicende che hanno visto questa produzione al centro di una bufera mediatica.

 

  • modalità foto TLOU2

Il nostro obiettivo è quello di fare una recensione senza spoiler, senza soffermarci troppo sulla trama. Quello che ci interessa è andare effettivamente ed estrarre ciò che il titolo Naughty Dog vuole trasmettere. Le emozioni sono tante; l’attesa estenuante non ha fatto altro che creare aspettative molto alte. The Last of Us Parte II è qualcosa di particolare, non un semplice videogioco, ma un viaggio fatto di un potente mix di emozioni che tutte assieme, unite ad un’ambientazione ispirata, suoni e narrazione magistrali, hanno reso il titolo un vero capolavoro (non mi nascondo nell’espormi): il migliore di questa generazione. Il titolo di per sé non sarà perfetto, nulla lo è, ha dei piccoli difetti e non ha introdotto chissà quale grande novità, soprattutto nel gameplay, ma tutto quello che fa lo fa dannatamente bene, e questo lo rende degno top score, almeno per le nostre linee di giudizio. Andiamo a motivare il nostro voto con la recensione completa. 

Signore e signori mettetevi comodi, Naughty Dog narra

Inizia la storia. Joel lucida la chitarra seduto di fronte a Tommy, suo fratello. Ad introdurre il videogiocatore alla nuova avventura ci sono proprio le parole di Joel che ricollegano i fatti narrati nell'ultimo capitolo del primo gioco, quando, raggiunto l'ospedale delle "luci", Joel ha dovuto compiere la difficile scelta e raccontare la menzogna ad Ellie. La ragazza, dice l'uomo, si sarebbe bevuta la storia.

The Last of Us™ Parte II_20200619155610

Proprio nei panni di Joel, dopo un breve viaggio a cavallo, i due giungono nel loro accampamento di Jackson, dove la comunità guidata da Maria, moglie di Tommy, si è stabilita ed organizzata in un ambiente che sembra totalmente pacifico, lontano dal terribile mondo che ci aspetta. Joel va a trovare Ellie e gli dona la chiatarra lucidata con tanta cura, e le ricorda che manterrà la promessa fatta: insegnarle a suonare. Primo momento emozionante del titolo, che arricchisce l'atmosfera di poesia. Joel imbraccia la chitarra e, nelle parole di un'emozionante versione di Future Days dei Pearl Jam, riassume brevemente il forte legame che sente di avere con la ragazza, frutto degli eventi successi nel viaggio del primo capitolo.

 

Le vicende riprendono quattro anni dopo. Ellie è ormai grande e matura ed ha un suo posto all’interno della comunità: fa parte delle pattuglie di guardia. In queste prime sequenze nei panni di Ellie incontriamo volti familiari e altri nuovi, come Dina, la ragazza che si è già mostrata in video durante i diversi trailer prima del lancio. Le due, insieme, partiranno per un turno di pattuglia al di fuori delle mura. Anche Joel e Tommy sono di guardia in un posto differente. La presenza di infetti ultimamente è sempre più marcata.

The Last of Us™ Parte II_20200619191644

Per un istante il gioco ci mette in una differente prospettiva, cosa inedita per la serie e che, sinceramente, non ci saremmo mai aspettati. Da subito la storia ci mette davanti a nuovi personaggi che impareremo a conoscere, protagonisti, a modo loro, di un piano più grande che coinvolge anche Ellie e Joel. 

 

Ben presto le strade di questi personaggi si intrecciano, e questo incontro darà inizio a delle nuove dinamiche alle quali parteciperemo direttamente, da differenti punti di vista. La storia garantisce diversi colpi di scena. Tuttavia non sono gli avvenimenti su schermo a lasciare il giocatore a bocca aperta, ma i ricollegamenti che, capitolo dopo capitolo, fanno nascere una grande voglia di approfondire le vicende. Tutto porterà a una sola conclusione che, come potete immaginare, dividerà il popolo di videogiocatori in due. 

Un gameplay rodato: ciò di cui avevamo bisogno

Se c’è una componente debole in questo titolo, sicuramente questa può essere il gameplay. Attenzione però, non voglio dire che questo sia fatto male, assolutamente, ma diciamo che ha portato poche innovazioni rispetto a quello che ci era stato proposto da Naughty Dog nel primo capitolo. Ma la domanda in fondo è, The Last of us Parte II aveva effettivamente bisogno di un gameplay profondamente innovato? La risposta è no, e ve la motivo semplicemente.

The  Last of Us Parte 2 screenshot arco

Stiamo parlando di un videogioco che fa della storia il suo punto di forza mentre il resto fa da contorno ad essa, e lasciatemelo dire: che contorno!

Il gameplay è eccellente e si è presentato in una versione migliorata rispetto al suo predecessore, con l'aggiunta di alcuni elementi che fanno sentire la differenza. Si è parlato molto, ad esempio, del salto. Questa era un'opzione quasi completamente assente nel primo capitolo, che si limitava solamente in un'animazione di interazione dettata da ben precise circostanze, scriptata, vincolante. Ora Ellie è in grado di eseguire un salto quasi in modo completamente libero, scalare pareti non eccessivamente alte e interagire con oggetti per salirci sopra o scavalcarli.

 

La schivata poi si è rivelata essenziale negli scontri, specialmente in quelli contro gli infetti. Anche questa funziona diversamente rispetto al primo titolo, dove la schivata era quasi sempre premiata in caso di scontro ravvicinato, e il giocatore aveva solamente bisogno di premere ripetutamente il tasto dedicato per allontanarsi dallo scontro ed evitare possibilmente un colpo fatale. Con Ellie il discorso è differente. La schivata ha un timing dettato dal colpo nemico, e sbagliare significa essere puniti. Ellie è fisicamente più slanciata e minuta di Joel, e questo significa più agile, veloce. Ritrovare questi cambiamenti nel gameplay si è rivelato azzeccato e accurato. 

 

Nelle difficoltà più elevate, a partire proprio da quella "Normale", lo stealth è vitale, sia perchè la quantità di nemici spesso non permette un approccio differente, sia perchè ogni giocatore deve dedicare qualche secondo all'elaborazione di una strategia che gli consenta di non terminare troppo presto munizioni e scorte, decisamente poco facili da trovare in giro.

Difficile è bello

La mia prima run è stata completata nella difficoltà "difficile" e si è rivelata una scelta più che azzeccata: se sapete utilizzare un controller allora vi consiglio caldamente di scegliere questa modalità, perfettamente bilanciata, azzeccatissima per il contesto di gioco e le necessità varie che vi faranno immergere appieno in ogni sequenza. In questo modo, dovremo adattarci in base alle risorse che avremo a disposizione, le quali risulteranno ancora più rare. Ma è doveroso specificare che anche le altre difficoltà offrono al giocatore un'esperienza piuttosto completa.

 

Il fatto di avere a disposizione poche risorse va completamente a beneficio dell’esplorazione, che diventa quindi fondamentale nel completamento dei vari capitoli. Il lavoro di Naughty Dog, in tutta la spasmodica ricerca del dettaglio e del realismo, sia per quanto concerne il lato grafico che quello nel level design, renderà ogni ambiente ricco di fascino e piacevole. Inoltre, solo curiosando riusciremo a portare a termine un puzzle, un enigma, trovare oggetti utili, nuovo equipaggiamento e miglioramenti oltre alle varie risorse: ogni componente trovato ci renderà felici, perché ne avremo maledettamente bisogno. In questo modo mi sono ritrovato a vivere l'esperienza in modo incredibilmente coinvolgente.

The  Last of Us Parte 2 screenshot serafiti

Nello scontro il giocatore si trova sempre, o quasi, di fronte alla libera scelta di approccio, avendo anche la facoltà di passare dallo stealth all'azione aggressiva con una naturalezza che si prova raramente in giochi del genere. Il nemico non è più un fantoccio su un binario, ma è guidato da una I.A. ben fatta, capace di adeguarsi alla situazione, che non dimentica facilmente un rumore sospetto o la vista di un ombra per tornare sui propri passi come niente fosse. Sarà difficile quindi affrontare i nemici umani direttamente, faccia a faccia, dato che in pochi secondi potremmo ritrovarci in game over.

 

Il gioco fornisce una dedicata meccanica di avanzamento che fornisce "abilità" nuove, o meglio potenziamenti, sia per quanto riguarda le armi, sia per il personaggio. In entrambi i casi sarà necessario esplorare e trovare componenti per armi e "integratori" che garantiranno al giocatore nuove perk e armi più affidabili. Interagendo con i banchi da lavoro che scopriremo lungo il viaggio, possiamo modificare il nostro equipaggiamento integrando mirini, caricatori estesi e quant'altro, mentre dal menù giocatore possiamo spendere gli integratori per ottenere una resistenza maggiore al corpo a corpo, piuttosto che miglior capacità di ascolto (R1) e altre capacità.

  • The Last of Us™ Parte II_20200629162501
  • The Last of Us™ Parte II_20200629162030

L’impostazione pura del gameplay è rimasta sostanzialmente identica a quella del primo capitolo. L'inventario di gioco è accessibile mettendo giù dalla spalla lo zaino e da questo possiamo craftare differenti oggetti utili in caso di scontro e sopravvivanza, come kit medici piuttosto che esplosivi ad innesco. Come The Last of Us ci ha abituato, poi, sarà possibile accedere ad un menù rapido, successivamente estendibile, semplicemente attraverso la pressione delle frecce direzionali.   

 

Tra le voci del menù abilità sono presenti anche i collezionabili, le voci del diario e i manufatti che in ogni zona esplorata ci raccontano piccole storie e nascondono spesso soluzioni ad enigmi o posizioni strategiche dove rifornire il proprio inventario.

The Last of Us Parte II propone anche l'immancabile modalità foto: le impostazioni sono le classiche, dall’effetto sfocatura ai vari filtri, fino all’introduzione dei vari tipi di logo all’interno dello scatto.

 

The last of us parte II
Conclusioni
( Clicca su uno dei voti di settore per leggerne la motivazione )
  • Storia/Narrazione 10
  • gamepad Gameplay 10
  • Comparto Audio 10
  • Grafica 10

Storia/Narrazione

Di meglio credo non si potesse fare. Naughty Dog è stata in grado di tenerci incollati allo schermo per tutto il tempo, senza spezzare i ritmi di una narrazione che mantiene una qualità incredibile dalle prime battute all'ultima scena. Una narrazione e una storia lodevoli hanno portato il gioco ad essere impeccabile. I colpi di scena vanno oltre la rivelazione secca, immediata: quello che avviene su schermo fa cambiare anche il modo di pensare di chi ha il pad in mano. Indimenticabile.

Gameplay

Di certo non rivoluzionario, ma si è migliorato sensibilmente dalla sua prima versione, sia per quanto riguarda la varietà di meccaniche, sia per la libertà maggiore concessa al giocatore di interpretare lo scontro, sia perché ogni singola azione è fluida e ben articolata. Quello che ti fa fare The Last of Us Parte II non è nulla di non visto prima, ma funziona dannatamente bene. Aggiunta la schivata nel corpo a corpo rendendo lo scontro più avvincente e i salti che nel primo capitolo erano molto ma molto limitati. Si parla di un'avventura realistica story-driven e, per la natura che il gioco ha, questo gameplay è esattamente quello che avremmo voluto avere.

Comparto Audio

Senza tanti giri di parole, il comparto audio è lodevole. I suoni ambientali, le urla, il doppiaggio, la tensione generata dalle colonne sonore di sottofondo rendono il titolo ancor più immersivo. Gustavo Santaolalla si riconferma essere all'altezza di produzioni tanto ambiziose.

Grafica

Che dire, sembra quasi superfluo commentarla. Un comparto grafico che da solo, per qualità grafica generale e nei dettagli, rende tutto stupefacente. Poi le espressioni facciali dei personaggi sono davvero incredibili, mai viste in un videogame con una qualità simile. Grazie a The Last of Us Parte II il comparto grafico su console ha raggiunto il punto più alto di questa generazione: in un certo senso quasi un assaggio di next gen.

Mastodontico. Un nuovo punto di ferimento per il mondo videoludico. In tutte le sue componenti convince e lo fa in maniera decisa. Un titolo che fa dell’emozione il suo punto centrale, il tutto accompagnato da un comparto tecnico ed audio che annullano la differenza tra cinema e videogioco. Una storia che mantiene alto il ritmo per tutta la sua considerevole durata e, riesce talmente bene a farlo, che quasi ci immedesima nei personaggi e nell'orrore che stanno vivendo. I colpi di scena non mancano, con alcuni che ci hanno lasciato con la pelle d’oca. La violenza c’è ed è giusto che ci sia e, differentemente da quanto è stato dichiarato da alcuni prima del lancio, è perfettamente giustificata dal contesto di gioco. Naughty Dog ha deciso di cimentarsi in una produzione delicata, un sequel di cui nessuno sentiva la mancanza ma che ora, a conti fatti, siamo contenti di aver vissuto. La software house ha tirato fuori dal cilindro quanto di meglio si potesse fare, elevando di molto la qualità delle varie componenti. Una produzione di questo calibro, di questa specialità, merita un giudizio altrettanto speciale. Il 10 della nostra linea editoriale significa che "tutto quello che il gioco fa, lo fa bene, e che, nonostante niente sia perfetto, questo titolo mette tutti d'accordo". Impossibile non essere d'accordo con il fatto che The Last of Us Parte II sia entrato in gamba tesa nella storia del videogioco, creando un fenomeno ancora più grande di quello del suo predecessore.

10

Non sei d'accordo con il nostro voto? Dai un'occhiata alla nostra guida alle valutazioni.

Hardware Testato

  • devices PS4 Pro L'effetto wow è assicurato. Un miracolo ciò che le console riescono ad ottenere visto l'hardware limitato. I 30fps per quanto pochi per un esperienza di gioco nel 2020 risultano essere fissi. Colori impressionanti e buono anche il risultato ottenuto con l'HDR. expand_more
    Schermo

    Tv Qled Samsung 4k Q70

Ti è piaciuto l'articolo?

Facebook share
Twitter share
WhatsApp share
Telegram share
Reddit share

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato