fiber_manual_recordLive

Login

Facebook Instagram Discord Twitch YouTube
marvel-spider-man-miles-morales

Recensione: Spider-Man Miles Morales

Recensione: Spider-Man Miles Morales

26 novembre 2020

A cura di
Editing testo Jacopo Pio Masella

Condividi su

Come un fulmine a ciel sereno, durante la presentazione finale di PS5 e la sua line-up di lancio, Sony ha presentato il nuovo Spider-Man. Forse un po’ troppo presto per un nuovo capitolo, ma neanche così tanto per incominciare a sentir parlare del prossimo futuro di una delle esclusive PlayStation di maggior successo di sempre. Nessuno si sarebbe aspettato di ritrovarsi di fronte ad una nuova avventura stand alone, a soli due anni di distanza da quello che, a oggi, risulta essere il miglior adattamento videoludico delle gesta dell’uomo ragno. Fa dunque la sua entrata in scena uno dei personaggi che abbiamo già incontrato in Spider-Man PS4 e al quale milioni di fan in tutto il mondo sono particolarmente affezionati: Miles Morales. Il trailer in-engine che ci siamo ritrovati ad analizzare è pazzesco e dettagliatissimo, e sembrava dover essere il titolo di lancio che avrebbe avuto l’onere di mostrare i muscoli del nuovo hardware Sony. Quello che mi sono chiesto sin dall’annuncio è stato: “riesce Insomniac Games a mantenere alto il suo prestigio in questa sua prima escursione su PS5?”.

 

spider-man-miles-morales-98409

Lo Spider-Man di quartiere

"Pronto Miles, potresti passare a fare la spesa?"

Questa nuova avventura apre con dei messaggi sul telefono del nostro giovane eroe che ci portano a vivere Brooklyn nei suoi panni civili. Rio Morales, madre di Miles e neo candidata nella vita politica della città, regna sui cartelloni degli stand elettorali, mentre il volto di Spider-Man predomina sui murales del quartiere. Il “nuovo” Spider-Man non sembra invece essersi ancora fatto strada nei cuori della gente. In questa fredda giornata di dicembre, Pete contatta Miles informandolo che la scorta a un convoglio inizia prima del previsto.

 

Ben presto i due si ritroveranno a far i conti con uno dei più comuni villain dello spiderverse, Rhino, che sta scatenando il panico e il caos nel centro della città. Mentre i due cercando di porre fine all’ira del colosso, il giocatore tocca con mano le differenze con l’esperienza PS4, più palesi di quanto ci è stato possibile immaginare. Queste si manifestano sotto forma di prestazioni differenti, decisamente più godibili grazie al raggiungimento dei tanto agognati 60 fps e un aspetto della città ancora più autentico grazie alla potenza del nuovo hardware Sony. Impossibile poi non citare subito il feeling che offre il nuovo DualSense con i grilletti adattivi e feedback aptico: esplosioni, incidenti e folla in fuga mentre la neve scende lentamente dal cielo rendono l'inseguimento di Rhino un'esperienza entusiasmante, cinematografica e adrenalinica: tutto palpabile con mano. Ogni sequenza è stata curata nel minimo dettaglio, ma su questo ci soffermeremo maggiormente più avanti nel testo. Insomma, se il buongiorno si vede dal mattino…


Ciò che viene raccontato in Miles Morales avviene circa un anno dopo gli eventi del primo capitolo, quando Miles perde il padre in un attacco terroristico e al termine del quale, impossibile nasconderlo a questo punto, scopre i suoi poteri da ragno. Da quel momento iniziano le ronde e gli addestramenti, assieme a Spaidy, per perfezionare le sue abilità, così da essere pronto per affrontare qualsiasi minaccia New York sarà costretta a fronteggiare. Quando questo succede, Miles è da solo e non potrà tirarsi indietro. Da una parte troviamo la Roxxon con un progetto segreto e, dall'altra, l'Underground gli oppone resistenza con l’unico scopo di eliminarli. La storia viene narrata in modo decisamente più diretto rispetto a quanto è stato fatto con Marvel’s Spider-Man PS4, sacrificando le parti più noiose e ripetitive, anche se questo significa un ridimensionamento della longevità complessiva della narrazione principale. Ma la cosa mi sta bene: la maturità con la quale gli avvenimenti sono raccontati mi fanno ben sperare per il prossimo capitolo, grazie a un netto miglioramento dell’impianto narrativo rispetto al precedente.

 

spiderman-miles-morales-screenshot-03-en-12jun20-scaled

Spider-Man diverso, gameplay diverso?

Girare per NY con le ragnatele era un bel vedere anche nel primo capitolo, ma con Miles Morales lo è ancora di più. Il carisma, le acrobazie e la sfacciataggine di un giovane Spider-Man rendono il tutto più divertente, ma soprattutto spettacolare. Le meccaniche non sono state per nulla stravolte e risultano praticamente identiche alla versione 2018, come ad esempio la schivata, l'attacco e il contrattacco. L'unica differenza che possiamo notare è nello stile di combattimento e nelle abilità speciali. In Spider-Man Miles Morales possiamo trovare 3 rami di abilità: una dedicata al combattimento, una al Venom e una all'occultamento. La seconda è la caratteristica che distingue questo eroe da quello “originale”: i fan più affezionati sicuramente sapranno di cosa stiamo parlando. Si tratta di un’abilità bioelettrica che ci permette di approcciarci allo scontro in differenti modi.

 

Possiamo ad esempio rompere la difesa dei nemici più ostici elettrizzandoli e quindi stordendoli per un paio di secondi, oppure scaraventarli in aria e iniziare una combo su più bersagli. Insomma una diversificazione delle meccaniche di combattimento che abbiamo apprezzato. Ancora più apprezzata è stata la modalità di occultamento che arricchisce le fasi stealth che abbiamo già avuto modo di sperimentare nei panni di Peter Parker, utile soprattutto nelle fasi dove la quantità di nemici è altissima. Ogni abilità ha la sua progressione e i gadget possono essere modificati e migliorati man mano che accumuliamo esperienza. Tutto sommato, dunque, non manca quella sensazione di familiarità con il gameplay. Le piccole variazioni presenti, comunque, sono abbastanza efficaci da lasciarmi addosso quella sensazione di novità che tanto ho temuto potesse mancare.

 

marvel-s-spider-man-miles-morales-venom-miles

I Love N.Y.

Come se fossimo in un vero e proprio film dedicato a Spider-Man, per le strade di New York ne succedono di tutti i colori: sparatorie, rapine, inseguimenti, prese di ostaggi e chi più ne ha più ne metta, anche se la varietà di dinamiche non arricchisce eccessivamente la quantità di attività già presenti nel primo capitolo. Tra missioni secondarie e richieste dei cittadini tramite l'app di Spiderman, il titolo si fa giocare e non annoia. Nel gioco è infatti presente questa app progettata proprio da Miles, alla quale ha dato il nome "COSO". Attraverso questa il nostro eroe potrà accedere alle decine di richieste dei cittadini e, per aprirla, il giocatore non dovrà far altro che sfiorare il touchpad del DualSense, da destra verso sinistra. Queste attività ci aiuteranno a guadagnare esperienza e quindi a potenziare le abilità del nostro ragno. Una buona parte delle quest secondarie non sono fini a loro stesse, e integrano pezzi di racconto che vanno ad arricchire l’esperienza della quest principale, o che ne fanno diretto riferimento. A livello contenutistico sicuramente il primo Spider-Man aveva più attività da proporci, ma, per come si è posizionato il gioco sul mercato, definendolo un capitolo espansivo del mondo di Spider-Man, non possiamo lamentarci.

 

miles-new-york

La potenza di PS5 e la rivoluzione del DualSense

Sono rimasto ammaliato dalla bellezza e dalla fluidità di Spider-Man su PS5, la quale si accompagna alla più grande novità di questa generazione Sony: il DualSense. Si tratta, a parer mio, di un’esperienza unica nel suo genere. Quando lanciamo una ragnatela con i grilletti dorsali per oscillare da un palazzo all’altro il feedback della resistenza ci fa percepire con mano quello che stiamo vedendo sullo schermo: si avvertono gli sforzi, la pesantezza, l'elasticità e la velocità. Tuttavia l’offerta sensoriale di Spider-Man Miles Morales non è assolutamente comparabile a quella di Astrobot: mi sono ritrovato a vivere sensazioni difficili da trasmettere attraverso le parole. Vi assicuro che è veramente fantastico! Il comparto grafico è un'altra punta di diamante del prodotto con dettagli pazzeschi: un bel vedere a 60FPS (che siano benedetti!).

 

Il gioco ci dà la possibilità di poter scegliere tra i settaggi grafici e cambiarli in qualsiasi momento, anche se le opzioni tra cui scegliere sono le stesse a cui ci ha abituato la mid-gen PS4: una modalità cinematica che offre 4K, 30 fps e raytracing attivo, e la modalità Performance che opta per i 4K dinamici a 60 FPS, sacrificando, per forza di cose, il raytracing. Personalmente ho preferito, provandole entrambe a lungo, la modalità Performance: ho trovato più appagante la fluidità del gioco piuttosto che il dettaglio elevato dei paesaggi. Scegliendo l’altra opzione e privilegiando l’impatto visivo, non possiamo non notare tutti i riflessi e gli effetti particellari pazzeschi che ci permettono di assaggiare cosa ci aspetta per il resto della generazione. Insomma, Insomniac ha fatto uno splendido lavoro. Dobbiamo anche citare la punta di lancia di questa prima fase di generazione Sony, ovvero l’efficacia e le prestazioni del tanto decantato SSD, che garantisce tempi di caricamento brevissimi se non addirittura assenti.

 

spidey-e-miles-morales

 

SpiderMan Miles morales
Conclusioni
( Clicca su uno dei voti di settore per leggerne la motivazione )
  • Storia/Narrazione 7.5
  • gamepad Gameplay 8.5
  • Grafica 9.0
  • Comparto Audio 9.0

Storia/Narrazione

La storia di Spider-Man Miles Morales arriva al dunque senza dilungarsi troppo durante l'avventura, non lasciando spazio eccessivo a esplorazione e attività secondarie che avrebbero inevitabilmente allungato il brodo e disperso l’attenzione del giocatore, come aveva fatto la precedente esperienza. La maturità con la quale è raccontata la storia ci fa guardare al futuro della serie in maniera più spensierata e concreta. Pecca invece la durata complessiva della main quest, che non rispecchia affatto il prezzo di mercato. Sicuramente si poteva fare di più rispetto ad alcuni aspetti della storia, la quale è risultata deludente in termini di bossfight che, seppur spettacolari, si possono contare sulle dita di una mano. Quello che ci lascia Marvel’s Spider-Man: Miles Morales al termine dell’avventura, però, è una grande aspettativa su un eventuale nuovo capitolo, ma, soprattutto ora sappiamo che, lì fuori, ci sono due Spidey con due differenti stili di gioco.

Gameplay

Nonostante non si differenzi eccessivamente dal primo, il gameplay è appagante e solido. Se la paura era quella che questo titolo risultasse solamente un semplice DLC stand-alone del primo capitolo, Insomniac Games si è rivelata all’altezza di riservare ai giocatori un'esperienza autentica per quanto resti riconoscibile e familiare. Sebbene già le acrobazie, il combat system, le abilità, e soprattutto l'esplorazione erano il fiore all'occhiello della serie, ora, con il DualSense di Sony, l'avventura prende tutta un'altra piega, rendendo l'esperienza ancora più incredibile.

Grafica

New York City, i suoi quartieri e il suo inconfondibile skyline sono riprodotti in maniera stupefacente. La struttura è un semplice copia e incolla di quanto visto in Spider-Man PS4, ma la resa visiva è stata perfezionata in modo da far sembrare il tutto più autentico. Con la modalità Cinematica e il raytracing attivo sembra di vivere in una cartolina della città. Altro punto di forza sono assolutamente i volti dei protagonisti, super dettagliati e vivi, e che raggiungono un livello impressionante nei tratti e nel volto di Miles in alcune scene "strazianti" del gioco.

Comparto Audio

Il comparto audio è sublime. Miles e la sua creatività musicale creano l'atmosfera per buona parte del racconto e ci permettono di immergerci nella realtà del contesto e di vestire "realmente" i panni del personaggio. La colonna sonora si sposa benissimo con la narrazione e riprende a tratti le tracce che tanto ci sono piaciute nel primissimo capitolo della serie Insomniac Games. Ottimo il lavoro del team di doppiaggio in lingua italiana: espressivo e professionale.

Spider-Man Miles Morales è un prodotto che si impone maggiormente sul mercato rispetto al suo precedente capitolo, con una maturità avanzata, senza giri di parole, andando al dunque e non facendo annoiare il giocatore. Tutte queste ottime qualità, però, non giustificano assolutamente il prezzo imposto sul mercato all'uscita data le sue misere 9 ore di campagna, escluse le attività secondarie. Il gameplay, seppur "riciclato" da Marvel's Spiderman, risulta ben fatto, grazie soprattutto alla caratterizzazione e allo stile di Miles, che rende il tutto una buona combinazione, soprattutto con il DualSense che, seppur non sfruttando tutte le feature che il pad permette, rende l'avventura più immersiva. Lodevole il comparto grafico e tecnico che mostra le prime potenzialità di PS5 oltre ai 60FPS garantiti: il dettaglio dei volti dei personaggi principali risulta di ottima fattura, paragonabile in alcuni frangenti al fotorealismo. Non meno efficace il comparto audio, il quale riesce a mixarsi con il contesto americano e soprattutto con la continua azione di New York, con una colonna sonora portante ed un doppiaggio italiano buono. Miles Moarles è l'inizio di un nuovo capitolo per i due Spider-Man di New York e, date le premesse che Insomniac Games ci ha mostrato con questo capitolo, siamo curiosi di vedere cosa tiene in serbo per noi il futuro.

8.5

Non sei d'accordo con il nostro voto? Dai un'occhiata alla nostra guida alle valutazioni.

Hardware Testato

  • devices PS5 Personalmente ho testato il titolo su una scheda di acquisizione con uscita massima 1080p 60FPS, l'impatto grafico è sicuramente evidente rispetto alla scorsa generazione, specialmente quando si parla di fluidità. Ho preferito nelle impostazioni della console la modalità Performance piuttosto che Cinematografica. expand_more
    Schermo

    ASUS ROG STRIX XG32VQR, 32" Curvo WQHD, 2560 x 1440, Sony Platinum Wireless Headset 3D Audio

    Cuffie

    Sony PS4 Platinum Wireless Headset

Potrebbero interessarti

Horizon Forbidden West aloy immersione

Tre esclusive PS5 annunciate arrivano anche su PS4: ecco quali

17 settembre 2020

L’evento di questa notte è stato un gran bell’evento, e sapere che Sony ci sappia ancora fare con gli annunci, nonostante le ultime conferenze decisamente più sotto tono, ci rincuora. Ma una cosa che...

6.5
Trek to Yomi titolo con sfondo

Trek to Yomi è un non troppo elaborato tributo al cinema dei Samurai

19 dicembre 2022

Nessuno nella redazione di gametales.it è un appassionato di storia del cinema giapponese, ne uno spassionato amante della cultura e della storia tradizionale del paese del Sol Levante tanto da poter...

9.3
LK1BOGkl8D9asemyQTPNAp69
God of War Ragnarok

God of War Ragnarök: un viaggio degno del Valhalla

20 novembre 2022

9 Novembre 2022: è arrivato il momento di inserire il gioco nella PS5. L’unico suono a rompere il silenzio dell’attesa è il disco all’interno del lettore, impegnato a trascrivere i quasi 90GB di insta...

8.0
Chorus Nara e Forsa

Chorus: un 3D space shooter come quelli di una volta e anche meglio

29 agosto 2022

Dato che l'ultima recensione pubblicata sulle pagine di questo sito risale a troppi mesi fa, ho deciso di ricominciare la nuova stagione delle review proponendo un titolo che ho recuperato quasi casua...

8.9
stray
Stray

Stray: l'insostenibile leggerezza dell'essere gatti

03 agosto 2022

I mondi distopici sono ormai una sorta di scelta comune nei videogiochi: ambientazioni cupe, in cui l’umanità è profondamente corrotta, oppressa da un regime totalitario o persino completamente estint...

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato