fiber_manual_recordLive

Login

Facebook Instagram Discord Twitch YouTube
layers of fear 2 copertina

Layers of Fear 2: la Recensione su Nintendo Switch

Layers of Fear 2: la Recensione su Nintendo Switch

11 giugno 2021

A cura di
Editing testo Simona Bardaro

Condividi su

Ormai il nome del Bloober Team non è più relegato alla conoscenza di una piccola nicchia, dopo l’ottimo Medium per Xbox Series X|S e PC uscito lo scorso anno, la software house polacca ha guadagnato una certa popolarità. Dopo questo discreto successo ottenuto sul piano mainstream, vediamo ora affiorare sul Nintendo eShop di Nintendo Switch un titolo molto meno conosciuto: Layers of Fear 2, lavoro dei Bloober risalente al 2019, che approda solo ora sull’ibrida di casa Nintendo. Un titolo molto più grezzo, dall’aroma prettamente indipendente che però, proprio per questa sua natura, offre spunti decisamente interessanti.

Layers of Fear 2 è un survival horror psicologico in prima persona, nel quale vestiremo i panni di un attore intento a girare un film a bordo di una misteriosa nave da crociera. Tra le cabine di bordo e abbandonate e gli spazi di servizio dell’imbarcazione, però, scopriremo che questa non sarà solo la comune ambientazione di un film.

Layers of Fear 2 sagome al buio (1)

La struttura della paura

Strutturalmente, l’ultima fatica dei Bloober è un gioco estremamente semplice: il gameplay è secondario, e il giocatore si limiterà, per la stragrande maggioranza, del tempo ad aprire porte ed abbassare leve per progredire all’interno degli intricati livelli disegnati dagli sviluppatori. Parlando di interattività, infatti, questo è certamente il punto più debole del gioco: oltre al banale camminare, tutto ciò che ci sarà concesso fare consisterà nel risolvere alcuni enigmi, che sfortunatamente sono quasi sempre molto facili, poco stimolanti e, oltretutto, davvero poco numerosi.

Attraverso le 5-6 ore di gioco, sarà nostro compito farci strada attraverso i claustrofobici corridoi della nave, che nasconderanno insidie dietro ogni angolo. Il level design di tutte le zone è ben curato, e utilizza tutti gli escamotage noti della scuola horror classica: corridoi lunghi, bui e stretti, magari con una singola porta chiusa al termine del corridoio stesso, che costringe il giocatore a girarsi e trovare qualche sorpresa dietro di lui.

A volte ci si troverà a dover scappare dai nemici, dei quali non entro nel merito per evitare spoiler, ma sostanzialmente tutte le sezioni di fuga sono strutturate nel medesimo modo: avvistiamo il nemico, corriamo nella direzione opposta, schiviamo qualche ostacolo e chiudiamo una porta alle nostre spalle per impedire al nemico di seguirci oltre. Al di là di qualche jumpscare, tutte queste sezioni rimangono piuttosto dimenticabili.

Layers of Fear 2 orologio in grigio

Gli strati della paura

Quanto alla trama di Layers of Fear 2, questa è estremamente contorta e frammentata. La storia si divide in 5 atti e, come già detto, interpreteremo questo attore intento a “costruire un personaggio”. Ogni atto ci porterà in una differente ambientazione, e più ci addentreremo nel vivo dell’avventura, più ciò che ci troveremo di fronte assumerà caratteri allegorici e inquietanti.

Nel corso della nostra visita all’interno della nave troveremo anche molti riferimenti cinematografici a film estremamente famosi, come Shining o Le voyage dans la lune, delle citazioni molto intelligenti e divertenti da scovare all’interno degli scenari.

Il problema della trama di questo titolo non sta tanto nelle intenzioni o nel concept, che tra l’altro risulta anche molto interessante, ma piuttosto nell’esecuzione: è tutto troppo vago, confuso, lasciato all’interpretazione del giocatore e senza una reale risposta. Gli oggetti che troveremo lungo la nostra avventura ci “parleranno” come se evocassero dei flashback, e da questi piccoli frammenti di passato sta a noi cercare il bandolo della matassa, e capire cosa sta realmente succedendo su questa nave.

Insomma, Layers of Fear 2 sembra voler raccontare una storia metaforica, esistenziale e molto profonda, ma alla fine della fiera tutto ciò che rimane è solo un grande senso di inquietudine: la sceneggiatura nasconde dietro un velo di ambiguità la sua stessa coerenza, e tutto questo solo per fare effetto, lasciare il giocatore spiazzato. Benché questa sia una scelta comune a molti giochi horror, personalmente non la trovo una soluzione sufficientemente ambiziosa, e un approccio narrativo più diretto, secondo me, avrebbe giovato al titolo, dandogli una spinta in più. 

Layers of Fear 2 uomo steso letto rosso

La forma della paura

La messinscena, in favore sia della sceneggiatura che del gameplay, è certamente il punto di forza più grande di Layers of Fear 2. Non si può certo dire che gli sviluppatori non abbiano posto cura nel comparto sonoro e nella creazione degli scenari. Il titolo utilizza un audio binaurale (quindi godibile al massimo solo tramite cuffia), di qualità veramente alta: l’esperienza uditiva è estremamente suggestiva, e spesso ci capiterà di sentire rumori provenienti dalla stanza affianco, passi che risuonano al piano di sopra e così via. Anche la colonna sonora è di pregio, e contribuisce in maniera attiva a rendere tutto il complesso molto inquietante.

Graficamente, la versione Nintendo Switch si comporta sorprendentemente bene. Con la console in modalità TV, il gioco regge senza troppi problemi i 30 FPS in 1080p, e giocando in portatile lo stesso framerate a 720p. Il livello di dettaglio non farà gridare al miracolo, le texture sono visibilmente a bassa risoluzione e gli effetti particellari sono molto meno presenti rispetto alla controparte PC, ma mi sento di dire che gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro considerando l’hardware limitato su cui il gioco è costretto a girare in questo caso. Purtroppo rimane un gioco molto più godibile sul PC, grazie all’utilizzo di mouse e tastiera per muoversi più agevolmente nei livelli, quindi la versione Switch è da considerare solo per quelle persone che hanno davvero bisogno di giocare in mobilità.

  • Layers of Fear 2 mappa
  • Layers of Fear 2 stretto corridoio
  • Layers of Fear 2dipinto inquietante
  • Layers of Fear 2 grey hallway
  • Layers of Fear 2 corridoio Shining
  • Layers of Fear 2 gabbia e luce soffusa
  • Layers of Fear 2 corridoio in chiaroscuso
  • Layers of Fear 2 corridoio e rugine
Layers of Fear 2
Conclusioni
( Clicca su uno dei voti di settore per leggerne la motivazione )
  • Storia/Narrazione 6.0
  • gamepad Gameplay 5.5
  • Grafica 7.5
  • Comparto Audio 8.5

Storia/Narrazione

Una trama potenzialmente interessante, che ruota attorno al concetto esistenziale di “identità”, e che vuole far porre delle domande al giocatore. Peccato che queste buone intenzioni siano minate da un approccio narrativo eccessivamente impegnativo e vago, al punto da risultare poco soddisfacente raggiunti i titoli di coda.

Gameplay

Oltre ad aprire porte, risolvere qualche enigma poco ispirato, tirare leve per sbloccare passaggi e scappare dai nemici, Layers of Fear 2 consiste solo nell’avventurarsi con cautela attraverso le claustrofobiche ambientazioni che caratterizzano le varie fasi di gioco. Considerato il genere non è necessariamente un contro, ma è certamente l’aspetto che meno giova all’esperienza complessiva e, a lungo andare, la rende piuttosto piatta.

Grafica

La versione Nintendo Switch si comporta sorprendentemente bene se si tiene conto dell’hardware limitante, e Layers of Fear 2 riesce a fare la sua figura sia in modalità TV che in portatile. Le texture non sono le più definite mai viste, ma una sapiente ottimizzazione del motore grafico rende l’esperienza complessivamente gradevole.

Comparto Audio

L’audio binaurale, godibilissimo in cuffia, regala una nuova dimensione al gioco, e l’immersività dell’esperienza si eleva esponenzialmente. La colonna sonora non è un capolavoro, ma dona un’atmosfera surreale e quasi onirica alle ambientazioni, che attraverso la musica prendono vita. Un ottimo lavoro e indubbiamente l’aspetto più curato di tutto il gioco.

Layers of Fear 2 è un titolo dal carattere molto peculiare, il cui obiettivo è chiaro: far porre delle domande al giocatore, e ammaliarlo attraverso l’uso di una trama contorta e un’ambientazione tanto curata quanto inquietante. Posso dire che il gioco riesce nel suo intento; certo, verso la fine il ritmo comincia a diventare un po’ troppo martellante e sgradevole, ma tutto sommato mi sono sempre ritrovato a voler andare avanti per cercare delle risposte. Peccato solo per alcune scelte di design poco interessanti per quanto riguarda il gameplay, e una trama davvero troppo ambigua e di difficile interpretazione, che rende l’esperienza eccessivamente impegnativa e a tratti poco soddisfacente. Comunque un buon lavoro da parte del Bloober Team, dai quali sarei curioso di vedere un altro sequel, magari con un budget maggiore e delle pretese meno autoriali.

6.9

Non sei d'accordo con il nostro voto? Dai un'occhiata alla nostra guida alle valutazioni.

Potrebbero interessarti

9.5
Forza Horizon 5 palme e deserto
Forza Horizon 5

Forza Horizon 5: il festival è finalmente next gen e risplende su Xbox e PC

15 novembre 2021

Dopo tre anni dall'ultima pubblicazione della serie, Playground Games ci ha deliziati con una nuova edizione del Festival Horizon, portandoci questa volta caldo e splendidamente accogliente Messico. P...

8.8
IMG_20211017_131630_957

Metroid Dread: un ritorno meravigliosamente terrificante

17 ottobre 2021

Quando una serie storica torna dopo tanto tempo, è facile cadere vittime dell’hype e delle false aspettative, ma superati questi pericoli è anche possibile creare qualcosa di speciale. Dietro Metroid...

7.8
Kena Bridge of Spirits presskit screanshot 1
Kena: Bridge of Spirits

Kena: Bridge of Spirits è il gioco più coccoloso dell'anno

23 settembre 2021

Kena: Bridge of Spirits è saltato fuori un po' dal nulla al suo annuncio. Negli ultimi anni abbiamo avuto diversi videogiochi graficamente ispirati e capaci di farci sgranare gli occhi a prima vista,...

9.0
Deathloop titolo con personaggi e didascalie
DEATHLOOP

Deathloop è il nuovo "must-play" di Arkane Studios

16 settembre 2021

Deathloop è il videogioco che per primo si trova in quella strana posizione tra Microsoft e PlayStation dove uno possiede tutti i diritti, l'altro lo pubblica con una clamorosa esclusività per console...

8.3
The Artful Escape titolo sfondo rosa

The Artful Escape: li grande spettacolo audiovisivo di Francis Venditti

13 settembre 2021

Avete mai provato ad imbarcarvi nelle vostre più profonde fantasie lasciandovi trasportare dall'ispirazione di chi vorreste essere? Tra paure, incertezze e amore per la musica, questo è quello che fa...

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato