fiber_manual_recordLive

Login

Facebook Instagram Discord Twitch YouTube
Last Stop Artwork Titolo

Last Stop è veramente una bella storia ma un pessimo videogioco

Last Stop è veramente una bella storia ma un pessimo videogioco

12 settembre 2021

A cura di
Editing testo Simona Bardaro

Condividi su

Last Stop è una piccola opera indipendente che il giocatore medio tende a trovarsi negli store e a skippare senza neanche pensarci troppo; che ha proprio l'aspetto di qualcosa di riempitivo, di non necessario, per poi continuare a scrollare in cerca di qualcosa che sembri migliore. Sembra infatti non esistere un vero motivo per cliccare su "acquista" a meno che non siate quel tipo di giocatore che ama provare, anche se il prezzo non è di quelli proibitivi. Differente è stato però nel caso mio, che mi sono ritrovato a scrollare la lunga lista del Game Pass in cerca di un'esperienza non impegnativa da portare a termine nel giro di uno o al massimo due pomeriggi liberi. Last Stop è quel gioco che urla disperatamente "Hey, ci sono anch'io e non sono poi così male!" che lo rende perfetto per il servizio di Microsoft. Ma, dopo averlo finito, lo consigliereste a un amico?

Dietro questa avventura interattiva in capitoli, come se fossero gli episodi di una serie TV, ci sono una manciata di persone ed un budget ristretto, un talento non eccezionale ma la voglia di raccontare una storia. La struttura del racconto è quella che avresti volentieri visto in uno show televisivo, ma probabilmente nel formato "videogioco" sarà stato meno costoso da realizzare. Quella economica è l'unica spiegazione che mi sono riuscito a dare per aver "visto" questo racconto in questo format piuttosto che con attori veri, in carne e ossa, nella vera periferia londinese, perché di "videogame" c'è veramente poco, quasi niente. Ludicamente parlando non suderete per evitare il game-over (che non fa parte del gioco) e non compirete molte azioni se non qualche quick-time event (non molto quick) e la continua scelta dei dialoghi che non cambierà le sorti del racconto. Il filo narrativo è infatti unico, e al giocatore viene concesso solo di dare un tono alle risposte dei protagonisti senza aver mai in mano le redini dei loro destini.

  • Last Stop John capitolo 1
  • Last Stop Donna messaggi

I protagonisti, per l'appunto, sono tre: un uomo di mezz'età, che non si sente realizzato ma con una simpatica e amorevole figlia a cui non riesce a stare dietro, una tipica madre in carriera, che non ha tempo da dedicare alla famiglia, e una liceale che ama cacciarsi nei guai. Ogni capitolo è suddiviso in tre parti, ciascuna delle quali viene dedicata ad uno dei personaggi. Ovviamente questi, ai fini del racconto, sono lontanamente collegati, e l'intreccio che andremo a sciogliere è piacevolmente tessuto su una regia e una scrittura che mostrano i muscoli dai primissimi capitolo. Tutto questo è condito con elementi magici, a tratti fantascientifici, che ci incuriosiranno fino a portarci ad una conclusione totalmente stonata con il resto del racconto ma comunque piacevole. Le animazioni sono goffe ma simpatiche; le inquadrature e la colonna sonora sono di pregevole fattura; il setting di gioco è sufficientemente elaborato ma risente dei limiti di personale e budget, ma scivola tranquillamente in secondo piano; le dinamiche di gioco, come già detto, sono insufficienti a intrattenere un videogiocatore che avvia Last Stop per videogiocare.

Last Sop
Conclusioni
( Clicca su uno dei voti di settore per leggerne la motivazione )
  • Storia/Narrazione 7.0
  • gamepad Gameplay 4.0
  • Grafica 7.0
  • Comparto Audio 8.0

Storia/Narrazione

Questa serie TV interattiva non può che avere come punto di forza proprio la storia e la narrazione. Non ha nulla da invidiare alle serie TV e restituisce esattamente le buone sensazioni di uno show scritto e diretto con competenza. Più che l'intreccio ho apprezzato la direzione registica del racconto, che si avvale di inquadrature e ritmo dei dialoghi che sono riusciti a dare espressione e a caratterizzare dei fantocci dotati di animazioni scarne ed espressioni facciali limitate.

Gameplay

Ludicamente parlando il lavoro degli sviluppatori è stato appena sufficiente a far definire Last Stop come un qualcosa di "interattivo". Le azioni che saremo chiamati a compiere non sono altro che un debole collante tra una conversazione e l'altra. La meccanica più presente è quella della selezione della risposta che ha la semplice funzione di dare un tono alle risposte, ma indipendentemente dalla nostra scelta il racconto continua per fatti suoi, portandoci comunque alla medesima conclusione.

Grafica

Si tratta di un Indie con visibili limitazioni. Il format della narrazione fa passare in secondo piano elementi curati solamente nell'indispensabile che fanno da sfondo alla narrazione. Basti pensare che alle compare non viene neanche dato un volto. Ma ad ogni modo va bene così.

Comparto Audio

Il gioco è narrato in un inglese scolastico di facile comprensione per chiunque abbia superato le elementari, ma tranquilli: ci sono i sottotitoli e la traduzione delle scelte multiple. Insomma, non è la mancata traduzione completa del gioco ad essere la scusa per metterlo da parte. Il giudizio sul comparto audio è totalmente influenzato dalla colonna sonora: non ci sono molte tracce ma quelle che ci sono espressive, coinvolgenti e perfettamente cucite su quello che appare su schermo.

Insomma, Last Stop è uno di quei giochi non strettamente necessari ma che non reputi una totale perdita di tempo una volta che lo hai completato. Ha veramente poco di "videogioco", ma lo stretto indispensabile per essere una serie TV interattiva. La narrazione, la regia e la colonna sonora sono degne di una produzione che merita attenzione, e a conti fatti l'intero videogioco è un'ottima scelta di intrattenimento nel caso il vostro abbonamento Netflix aspetti di essere rinnovato. Non è un gioco che consiglio spassionatamente a qualcuno ed è più probabile che la maggior parte dei videogiocatori tenda a metterlo da parte. Se avete il Game Pass, però, dargli un'occhiata potrebbe avere senso.

6.5

Non sei d'accordo con il nostro voto? Dai un'occhiata alla nostra guida alle valutazioni.

Potrebbero interessarti

9.5
Forza Horizon 5 palme e deserto
Forza Horizon 5

Forza Horizon 5: il festival è finalmente next gen e risplende su Xbox e PC

15 novembre 2021

Dopo tre anni dall'ultima pubblicazione della serie, Playground Games ci ha deliziati con una nuova edizione del Festival Horizon, portandoci questa volta caldo e splendidamente accogliente Messico. P...

8.8
IMG_20211017_131630_957

Metroid Dread: un ritorno meravigliosamente terrificante

17 ottobre 2021

Quando una serie storica torna dopo tanto tempo, è facile cadere vittime dell’hype e delle false aspettative, ma superati questi pericoli è anche possibile creare qualcosa di speciale. Dietro Metroid...

7.8
Kena Bridge of Spirits presskit screanshot 1
Kena: Bridge of Spirits

Kena: Bridge of Spirits è il gioco più coccoloso dell'anno

23 settembre 2021

Kena: Bridge of Spirits è saltato fuori un po' dal nulla al suo annuncio. Negli ultimi anni abbiamo avuto diversi videogiochi graficamente ispirati e capaci di farci sgranare gli occhi a prima vista,...

9.0
Deathloop titolo con personaggi e didascalie
DEATHLOOP

Deathloop è il nuovo "must-play" di Arkane Studios

16 settembre 2021

Deathloop è il videogioco che per primo si trova in quella strana posizione tra Microsoft e PlayStation dove uno possiede tutti i diritti, l'altro lo pubblica con una clamorosa esclusività per console...

8.3
The Artful Escape titolo sfondo rosa

The Artful Escape: li grande spettacolo audiovisivo di Francis Venditti

13 settembre 2021

Avete mai provato ad imbarcarvi nelle vostre più profonde fantasie lasciandovi trasportare dall'ispirazione di chi vorreste essere? Tra paure, incertezze e amore per la musica, questo è quello che fa...

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato