Informativa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy, inclusa la personalizzazione e l'analisi di annunci pubblicitari e contenuti. Per saperne di più o per revocare il consenso relativamente a uno o tutti i cookie, fai riferimento alla cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questo banner, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo.

Login

Discord Facebook Instagram Twitter Twitch Telegram
No Man's Sky copertina senza titolo

Il capo di Hello Games manda un forte messaggio ad Anthem e Fallout 76

Il capo di Hello Games manda un forte messaggio ad Anthem e Fallout 76

Pubblicato il 10 luglio 2019

A cura di
Editing testo Simona Bardaro

Le due più grandi delusioni videoludiche degli ultimi tempi ricevono un bello scossone da niente di meno che da Sean Murray, capo di Hello Games. Stiamo parlando ovviamente di Anthem, sviluppato da BioWare, e Fallout 76, il grande flop di Bethesda Softworks. Questi due titoli hanno avuto il torto di creare enormi aspettative, di aver promesso grandi cose ai giocatori, di aver “sfruttato” il prestigio dei loro studi per lanciare qualcosa di ingiustificatamente povero e mal funzionante. Ma non è assolutamente una delle prime volte che succede nell’industria videoludica e ad esserci passato prima di loro è proprio lo studio di Murray.

 

Il messaggio che l’americano ha voluto mandare ai due team è semplice, chiaro ed impossibile da fraintendere: “Shut up”. Due semplici parole che se pronunciate dalla bocca del creatore di No Man's Sky risultano sufficientemente eloquenti per impartire una lezione. E’ come se avesse voluto “consigliare” ai due sviluppatori di calmarsi e lavorare sodo per rimettere le cose apposto, esattamente come ha fatto lui, risollevando le sorti di un gioco considerato il più grande flop/specchio per allodole degli ultimi anni e di uno studio ad un passo dal fallimento.

 

Se ce l’ha fatta una piccola realtà come quella di Hello Games, perchè BioWare e Bethesda hanno così tanta difficoltà a sistemare le cose?

 

Esattamente come Fallout 76 ed Anthem, No Man’s Sky è arrivato con un aspetto completamente differente da quanto mostrato durante la campagna pubblicitaria pre lancio. Disastroso downgrade grafico, quantità di contenuti insufficienti, assenza di qualsiasi tipo di scopo che potesse mantenere i giocatori appiccicati allo schermo ecc. Sembra infatti la perfetta descrizione di tutti i titoli nominati in questo testo. Ma con gli aggiornamenti costanti, dedizione ed espansioni di gioco a dir poco enormi, No Man’s Sky ha assunto un aspetto completamente differente. Oggi, quello di Hello Games, risulta essere un prodotto completo, divertente, ricco e perfettamente godibile, che dà ai giocatori la certezza di avere un team attivo dietro le quinte che lavora sodo per continuare a supportarlo.

 

D’altro canto Anthem, uscito a febbraio, non ci va neanche vicino ad assomigliare ad un titolo in continuo aggiornamento. BioWare, infatti, non è riuscita a mantenere nessuna delle promesse fatte sia prima, che dopo il lancio del gioco. Colpevole di aver lanciato un titolo pieno zeppo di lacune tecniche e di contenuti insoddisfacenti, di aver continuato a promettere nuove tabelle di marcia e non essere riuscito a rispettare neanche quello. Leggermente diversa è la situazione di Fallout 76 che, almeno, sta ricevendo il suo primo grande update contenente tutto quello che è stato criticato al lancio del titolo, con la promessa di andare anche oltre e di voler continuare a supportare il gioco ancora per molto. 

 

Là fuori ci sono altri titoli che hanno vissuto un lancio travagliato e che hanno saputo rimettersi sulla giusta strada per costruire il proprio successo. Un esempio su tanti è Sea of Thieves, uscito senza neanche troppe lacune tecniche, ma criticatissimo per la mancanza di contenuti. Nonostante ci siano molti giocatori che hanno reputato più che sufficiente l’offerta del gioco base, il team ha voluto dare a tutti l'opportunità di godersi l’esperienza, lanciando update che hanno arricchito il gioco di attività che spaziano da missioni co-op alle single player, passando per tutte le novità del PVP.

 

Concludendo, ci auguriamo che Anthem riesca veramente a trovare la via della redenzione, sia perchè si tratta di un progetto estremamente promettente, con tutte le basi necessarie e sufficienti per dar vita ad un titolo tanto vasto quanto affascinante, sia perché dietro c’è un team leggendario, che, da due titoli a questa parte, sembra non reggersi in piedi, perdendo tutta la credibilità ed il prestigio meritatamente ottenuti in passato.

Anthem

Ti è piaciuto l'articolo?

Facebook share
Twitter share
WhatsApp share
Telegram share
Reddit share

Potrebbero interessarti

Anthem copertina guida casco ghermiglio

Anthem: Guida - Come ottenere il Casco del Ghermiglio - Cosmetico Mitico

10 agosto 2019

Il Casco del Ghermiglio è un elemento cosmetico, ovvero puramente decorativo, ottenibile escliusivamente raggiungendo una zona segreta nella mappa del Cataclisma e che potrete indossare liberamente su...

Anthem Vara boss fight

Anthem: Guida al Cataclisma - Come completare gli eventi al 100%

10 agosto 2019

La parte essenziale della Spedizione Pubblica “Echi della Realtà” sono gli Eventi, ovvero gli obiettivi principali della missione. Questi sono quattro e sono opportunamente segnalati sulla mappa...

Anthem Screenshot 2019

Anthem: Guida al Cataclisma - Tutto quello che devi sapere

09 agosto 2019

Con l’attesissimo aggiornamento 1.3.0 Anthem torna a prendere vita dopo un lungo periodo di silenzio. Con questo update arriva finalmente l’evento stagionale “Il Cataclisma”, una sorta di raid/incursi...

Anthem Il cataclisma immagine evento

Anthem: Il Cataclisma - Aggiornamento 1.3.0 online ora

07 agosto 2019

Della serie “meglio tardi che mai” Anthem si aggiorna finalmente per aggiungere l’evento Cataclisma alle poche attività di gioco rimaste una volta arrivati all’end game. L’aggiornamento 1.3.0 è online...

EA Play holliwood logo con sfondo rosso

E3 Electronic Arts: una delle conferenze peggiori della storia della fiera

08 giugno 2019

Electronic Arts ha appena concluso il suo intervento in mondovisione, trasmesso per i vari canali streaming, lasciando nelle mani dei giocatori nulla di nuovo. La conferenza, se così la possiamo chiam...

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato