fiber_manual_recordLive

Login

Facebook Instagram Discord Twitch YouTube
The Artful Escape titolo sfondo rosa

The Artful Escape: li grande spettacolo audiovisivo di Francis Venditti

The Artful Escape: li grande spettacolo audiovisivo di Francis Venditti

13 settembre 2021

A cura di
Editing testo Simona Bardaro

Condividi su

Avete mai provato ad imbarcarvi nelle vostre più profonde fantasie lasciandovi trasportare dall'ispirazione di chi vorreste essere? Tra paure, incertezze e amore per la musica, questo è quello che fa Francis Venditti in The Artful Escape, una nuova pubblicazione di Annapurna Interactive da penna e codice di Beethoven and Dinosaur. Si tratta di uno spettacolo interattivo, fortemente narrativo che dà poco spazio a meccaniche di gioco, andato in scena con biglietto esclusivo sui dispositivi dell'ecosistema Xbox dallo scorso 9 settembre, Game Pass al lancio.

Come suggerisce il nome, il titolo ci fa diventare i complici di Francis in una fuga nell'arte della musica e dello spettacolo, che lascia alle spalle la paura di non essere abbastanza. Francis porta con se il peso di essere il nipote di Johnson Venditti, un gigante della musica Folk la cui ingombrante ombra non dà respiro al giovane che si ritrova a vivere uno dei momenti più importanti della sua vita con la paura di non essere degno di quel cognome. A Calypso, cittadina montana che ha dato le origini alla leggenda di Venditti, sta per tenersi un concerto celebrativo in memoria del defunto musicista, e i fan di ogni dove si preparano all'avvento del suo successore, appunto Francis, che si esibirà avanti all'esigente pubblico per la primissima volta. In scaletta ci sono solo i pezzi di Johnson Venditti e nulla di Francis, se non la voce.

The Artful Escape Francis' room Ma Francis ha qualcos'altro dentro, qualcosa di completamente personale e che nulla ha a che vedere con la musica dello zio. Il conflitto interiore del ragazzo è un muro che inizia a creparsi per far uscire la vera musica di Francis, qualcosa di più potente che trascende dall'arte terrestre per elevarsi a qualcosa di cosmico. La notte che precede l'esibizione ha inizio la fuga del ragazzo: ma non una semplice fuga adolescenziale per scappare dalle paure, ma una completamente diversa, fatta apposta per affrontarle. Non ci verrà mai detto se le cose che Francis vederà e vivrà nelle prossime ore sono successe veramente o solo nella sua testa, ma avremo sempre la certezza che questa avventura è sicuramente reale.

Che lo spettacolo abbia inizio

The Artful escape concerto al bradipo

Alla porta di casa si manifestano due strane figure nel pieno della notte che precede il grande evento: si tratta di Lightman, la più celebre stella della musica di tutto lo Stupefacosmo, e il suo strano assistente Zomm. A Lightman serve un musicista che possa sostituire uno dei suoi in vista di un grande spettacolo e vede in Francis il cambio perfetto. Da quel momento il ragazzo inizia a liberare timidamente la sua forma musicale e si imbarca per un viaggio introspettivo tra fantasia, fantascienza e un pizzico di visione da vero artista degli anni della chitarra distorta, dell'abuso del termine "caleidoscopio" e dei concerti psichedelici.

The Artful Escape talk show Il giocatore è uno spettatore attivo di questo show di luci e visioni, anche se non ci verrà chiesto un grande impegno. The Artful Escape è di base un leggero platformer a scorrimento laterale con semplici interazioni, come se fossimo in visita in un museo fantastico e vedessimo le meraviglie attraverso gli occhi di Francis. La nostra compagna di viaggio è la chitarra elettriche che animerà i fantastici mondi che visiteremo: basterà tener premuto X per far sì che Francis la imbracci e si lasci andare in lunghi e ispirati assoli. Ogni tanto siamo invece chiamati a partecipare a piccole esibizioni che hanno lo scopo di aprire passaggi e farci progredire nel cammino. Queste hanno la struttura ludica di un rhythm game che, invece di essere la meccanica principale del gioco - che avrebbe avuto sicuramente senso - compaiono con la stessa frequenza di come farebbe un qualsiasi mini-gioco secondario. Seppur non centrali nel panorama del gameplay, queste esibizioni ci restituiscono fantastiche sensazioni grazie alla direzione artistica decisamente da brividi.

L'esperienza di gioco risulta in qualche modo incompleta per l'estrema facilità e linearità, ma il giocatore riesce facilmente a sorvolare e a godersi l'esperienza lasciandosi trasportare dalla narrazione. È proprio questa che è capace di trascinarci fino ai titoli di coda senza troppe pretese, e la scelta di non dilungare troppo il racconto si rivela una mossa intelligente. I dialoghi si fanno forti di una scrittura solida e un doppiaggio efficace, accompagnati da uno stile artistico che concede una totale libertà creativa che ha permesso di dar scena a situazioni particolarmente apprezzabili.

Come in ogni fantasia ci caliamo nei panni di chi vorremmo essere, e per questo ho gradito molto la possibilità di creare una superstar quanto più personale possibile. Nonostante abbiamo un personaggio ben definito come solido punto di partenza, progredendo nell'avventura ci verrà chiesto di aggiungere man mano un tassello per comporre la personalità artistica di Francis. Gli daremo dunque un nome d'arte e uno stile, sceglieremo noi da dove prende ispirazione per la sua arte e da quale stravagante origine il nostro personaggio è saltato fuori. Il gioco ci dà sicuramente importanti assist, ma alla fine dei conti sentiremo nostro quel personaggio tanto da avere un brividino lungo la schiena quando il pubblico ci acclama a gran voce.

The Artful Escape
Conclusioni
( Clicca su uno dei voti di settore per leggerne la motivazione )
  • Storia/Narrazione 8.5
  • gamepad Gameplay 7.0
  • Grafica 8.5
  • Comparto Audio 9.0

Storia/Narrazione

La scrittura dietro The Arful Escape funziona. L'analisi introspettiva di Francis Venditti è la stessa che, ad un certo punto della nostra giovinezza, ci siamo fatti tutti: viaggiare nel pieno delle nostre fantasie per definire chi vorremmo essere. La possibilità di compiere questo viaggio nelle immagini di nella testa del protagonista non può che affascinare. Se resistete a non saltare i dialoghi verrete ripagati con qualche sorriso e riflessione in più - che non fa mai male.

Gameplay

Le azioni che compiamo in gioco sono vramente poche e poco articolate: la parte platformer è basilare, quella da rhythm game è facile e per il resto bisogna solamente tenere premuto un tasto per suonare e un altro per parlare. Non penso sia giusto far incidere il gameplay in modo eccessivo sull'esperienza dato che il punto non è saltare da una parte all'altra. Diciamo che la durata del gioco riesce a non richiedere necessariamente una più profonda articolazione delle meccaniche, ma sicuramente avrei gradito qualche nota in più da suonare durante un assolo per dar libero sfogo anche alla mia di creatività.

Grafica

Visivamente The Arful Escape è molto più che solamente piacevole nella componente grafica. I mondi sono ispirati e ben animati, e sono il vero spettacolo durante il percorso di Francis. Tutt'attorno continuano a succedere cose che rendono ancora più epico questo viaggio nella coloratissima fantascienza, e a tratti è proprio la componente visiva a fare da protagonista.

Comparto Audio

Tutto il gioco ruota attorno alla musica, alla sua potenza e all'incredibile capacità di comunicazione che ha. Sia le note pizzicate da Francis che la musica di sottofondo hanno il sapore di qualcosa di legendario, epico, glorioso, ed elevano il viaggio del giovane musicista a qualcosa in qualcosa di veramente potente. Probabilmente una miglior sincronia - magari anche forzata - tra la colonna sonora e le azioni del protagonista avrebbero potuto restituire qualcosa di più incisivo. Ma tutto sommato, per 3 ore circa, ho ascoltato una grande musica.

The Artful Escape è stata un'esperienza unica, l'ennesimo indie che fa la differenza in un panorama che spesso si limita ad offrire sempre le stesse formule. Il viaggio di Francis nello Stupefacosmo ispira e stupisce tra effetti di luce, una gloriosa colonna conora e una direzione artistica da capogiro. La narrazione è dunque il punto di forza, ma i continui dialoghi rischiano di non prendere al lazo l'attenzione di chiunque, e la mancanza di un gameplay più articolato potrebbe complicare le cose. Se avete un PC o una Xbox sarebbe un crimine non concedere le circa 3 ore di durata a questo gioco, data poi la disponibilità sul Game Pass. Fatevi un regalo e concedetevi un po' di meraviglia e spettacolo.

8.3

Non sei d'accordo con il nostro voto? Dai un'occhiata alla nostra guida alle valutazioni.

Potrebbero interessarti

8.9
stray
Stray

Stray: l'insostenibile leggerezza dell'essere gatti

03 agosto 2022

I mondi distopici sono ormai una sorta di scelta comune nei videogiochi: ambientazioni cupe, in cui l’umanità è profondamente corrotta, oppressa da un regime totalitario o persino completamente estint...

9.5
Forza Horizon 5 palme e deserto
Forza Horizon 5

Forza Horizon 5: il festival è finalmente next gen e risplende su Xbox e PC

15 novembre 2021

Dopo tre anni dall'ultima pubblicazione della serie, Playground Games ci ha deliziati con una nuova edizione del Festival Horizon, portandoci questa volta caldo e splendidamente accogliente Messico. P...

8.8
IMG_20211017_131630_957

Metroid Dread: un ritorno meravigliosamente terrificante

17 ottobre 2021

Quando una serie storica torna dopo tanto tempo, è facile cadere vittime dell’hype e delle false aspettative, ma superati questi pericoli è anche possibile creare qualcosa di speciale. Dietro Metroid...

7.8
Kena Bridge of Spirits presskit screanshot 1
Kena: Bridge of Spirits

Kena: Bridge of Spirits è il gioco più coccoloso dell'anno

23 settembre 2021

Kena: Bridge of Spirits è saltato fuori un po' dal nulla al suo annuncio. Negli ultimi anni abbiamo avuto diversi videogiochi graficamente ispirati e capaci di farci sgranare gli occhi a prima vista,...

9.0
Deathloop titolo con personaggi e didascalie
DEATHLOOP

Deathloop è il nuovo "must-play" di Arkane Studios

16 settembre 2021

Deathloop è il videogioco che per primo si trova in quella strana posizione tra Microsoft e PlayStation dove uno possiede tutti i diritti, l'altro lo pubblica con una clamorosa esclusività per console...

Commenti

Segnalazione

{{ report.comment.admin.nickname }} {{ report.comment.user.username }} {{report.comment.text}}
0 / 191
{{message}}
Utente non loggato